Storia

La Comunità di San Paolo viene eretta il 1° ottobre 1970 con decreto di Mons. Amilcare Pasini; il suo primo parroco nominato fu Don Giuseppe Montali, coadiuvato da Don Carlo Paterlini e dal diacono Angelo Piazza.
La parrocchia sorge con lo stralcio del territorio dalla parrocchia del Corpus Domini; sul territorio della nuova parrocchia vivono circa 5 mila persone provenienti, nei nuovi condomini, da tutte le parti: un insieme incoerente di popolazione che la parrocchia era chiamata a far diventare “comunità”.
L’11 ottobre viene celebrata la prima Santa Messa domenicale della Comunità, nel capannone di Del Monte in via Scola 3.

Le prime assemblee domenicali si tengono preso casa Ceccherelli e casa Carpi; dal 6 dicembre viene approntata la stalla-cappella offerta dalla famiglia Catelli.
Inizia l’attività pastorale attraverso incontri con i giovani e i ragazzi: un gruppo di catechiste provvede alla catechesi per i bambini aprendo le loro case a questa esperienza di evangelizzazione.

La stalla, ormai troppo piccola per contenere tutti i fedeli, viene sostituita da una struttura prefabbricata in legno (la “baracca”) montata nel prato adiacente l’attuale chiesa.
Il 24 ottobre 1976 si riunisce l’assemblea della Comunità per interrogarsi sulla linea pastorale da seguire: vengono sottolineati alcuni concetti che faranno da fondamenta per la formulazione delle scelte pastorali (“la Chiesa è un gruppo di persone chiamata dal Padre a formare una comunione fraterna attorno a Cristo, presente come Parola-Sacramento, sotto l’azione dello Spirito Santo con la garanzia di un apostolo, per essere segno-strumento della salvezza che Cristo offre a tutti“). Nel 1978 si forma un comitato per la costruzione della nuova chiesa: la Comunità si accinge all’impegnativa realizzazione di un complesso parrocchiale progettato dallo studio Costa-Valdessalici.

Il 25 Marzo 1980 il Comune di Parma concede il territorio di 5.040 mq. alla Comunità per la somma quasi simbolica di 504 mila lire. Negli anni ’80 la Diocesi è fortemente impegnata, sotto l’impulso del Vescovo Mons. Pasini, nella costruzione di diverse chiese. Il progetto destinato a San Paolo viene, di conseguenza, limitato all’essenziale. Nell’Ottobre dello stesso anno a don Giuseppe Montali, andato parroco a Santa Maria della Pace, succede don Giovanni Orzi.

Il 12 Gennaio 1981 La chiesa prefabbricata scompare divorata da un incendio prodotto da una stufa a cherosene.  Dopo 10 anni dalla nascita della parrocchia, diventa davvero urgente dotarla del minimo indispensabile per vivere.

Nel 1986 si unisce alla nostra Comunità don Ferruccio Siliprandi.

Nel giugno 1989 don Giovanni viene chiamato dal Vescovo a guidare la comunità di Tizzano e don Ferruccio quella di Monchio delle Corti; viene nominato nuovo parroco don Gianni Gabba, che fa il suo ingresso in parrocchia il 10 settembre 1989. Il 3 Ottobre 1992 vengono inaugurati i nuovi locali da adibire alle attività pastorali, completando così la costruzione della struttura iniziata nel 1980. Vengono aggiunti un discreto salone con 6 aule sovrastanti per la catechesi. All’inaugurazine è presente Mons. Grisenti.

L’ 11 Ottobre 1998Don Gianni viene chiamato a guidare la comunità di Baganzola; lo sostituisce il prete più giovane della Diocesi, don Francesco Rossolini, non ancora trentacinquenne e nel 2002 dopo la scomparsa di don Magnini, la comunità di San Biagio in Vicopò viene unita alla parrocchia di San Paolo.

Nel Natale del 2002 sono inaugurati i nuovi locali dell’oratorio: il salone (al posto di quello “vecchio” viene allestita una sala giochi con consolle, tavoli da ping-pong e biliardi) e sei nuove aule sono ora a disposizione della parrocchia. È presente il vescovo Mons. Bonicelli che inoltre il 31 Ottobre del 2004 benedice le nuove vetrate, realizzate durante l’anno da Anna Vettori (con l’aiuto di Gianfranco Gatti). Tema delle vetrate sono i Sacramenti, con la loro antica ed eloquente simbologia.

Nel Gennaio del 2005 nasce il primo sito della parrocchia; con un indirizzo ancora non ufficiale (www.donf.altervista.org), il sito vive circa un anno di cambiamenti prima di arrivare alla sua versione (più o meno) definitiva. Questo è un anno di grandi novità poichè ad Aprile sorge la Polisportiva San Paolo, società sportiva che raccoglie al suo interno tutti gli sport praticati già in precedenza nella nostra parrocchia. Come ogni società che si rispetti fa capo ad un presidente, il parrocco Don Francesco, coadiuvato da due vice, Nicola Baistrocchi e Antonietta Malandri; completano la rassegna del consiglio direttivo il segretario/tesoriere Alessandro Larini e i consiglieri René de Jong, Kilian de Jong, Angelo Graffeo e Davide Piccinini. Dopo soli pochi anni di vita, la Polisportiva ha già raggiunto e superato quota 100 iscritti complessivi. Infine in Ottobre nasce Giovanni Paolo Tv: la redazione, composta da una decina di persone, si propone di realizzare settimanalmente un telegiornale contenente le notizie riguardanti principalmente la vita della parrocchia (ma anche della Diocesi) e di trasmettere la Santa Messa domenicale a tutte le famiglie del quartiere. Nel giro di due anni, dopo tantissime peripezie burocratiche e non solo, il notiziario realizzato viene trasmesso su tutta Parma e provincia da un’emittente locale.

Il 17 Dicembre 2006 viene consacrata una maestà contenente l’immagine sacra di Santa Maria in Cammino, voluta e donata dalla generosa famiglia Guareschi. Lo speciale “scrigno”, progettato dall’architetto Cavalca e realizzata dal maestro Boccini, sorge lungo il percorso della pista ciclabile all’angolo tra via Mantova e il Parco Martini.

Il 28 Giugno 2008 Trova una sistemazione definitiva la preziosissima reliquia di San Paolo Apostolo grazie all’impegno ed alla bravura di due parrocchiani volontari. Il bellissimo reliquiario, circondato di mosaici, viene benedetto ed inaugurato in occasione della festa di Pietro e Paolo, con la speciale presenza del Vescovo Mons. Enrico Solmi. Sempre in questa occasione, inoltre, viene dato il via all’anno Paolino, durante il quale, nella nostra parrocchia, è possibile ricevere l’indulgenza plenaria.

Dal 3 al 10 Ottobre del 2010 in occasione della festa del 40° anniversario, la nostra comunità accoglie per una settimana l’immagine della Madonna di Fatima. Tanti i parrocchiani che partecipano ai momenti di preghiera e di meditazione durante tutta la settimana.