Storia

Fondata il 1° Ottobre del 1970 la nostra parrocchia è cresciuta in oltre 40 anni di eventi che hanno caratterizzato la vita del quartiere... Leggi tutto

Dove Siamo

San Paolo sorge a fianco del parco Enzo Martini, in Via Grenoble 9 a Parma. Nel 2008 si è unita anche la comunità di Vicopò... Leggi Tutto

Le Nostre Attività

Dal Catechismo alle Esperienze Estive, dal Gruppo Missionario alla Giovanni Paolo TV, ecco tutte le iniziative svolte presso l'Oratorio... Leggi Tutto

Ultime Notizie

  • Goias (Brasile)
    lunedì 20 febbraio 2012

    Ciao a tutti,
    eccomi di nuovo dopo un discreto lasso di tempo, con molte novitá!!
    Prima di tutto ho la gioia di dirvi che la Gisele (quella ragazza di 15 anni
    che ha accettato di tenere in grembo il frutto di una violenza) ha partorito la
    sua piccola Emanuelle. La bimba é nata prematura, al 7-8 mese di gestazione, ma
    senza problemi. La mamma e piccola stanno bene e dopo pochi giorni di ospedale
    l´hanno dimessa. Non vedo l´ora di vedere la piccolina e di vederla tranquilla
    e serena in braccio alla giovanissima Gisele. Pensate che 3 giorni prima del
    parto le avevo fatto una sessione di foto per regalarle (complice il solito
    amico “cuore generoso” italiano) un book fotografico. Qui é molto usato questo
    tipo di album, sia per immortalare i 15 anni delle adolescenti (qui per le
    ragazze considerato il compleanno piú importante), sia per immortalare le
    rotonditá delle donne incinte (book de gestante). Per ora é ancora in post-
    produzione ma vi allego una foto.
    Pensate che volevo fissare la sessione di
    foto dopo il carnevale, ma lei ha insistito per anticipare i tempi…
    Sempre restando in tema adolescenti e pancioni, Ingrid di 16 anni ha dato alla
    luce il suo bebé (Cristofer, 3kg e 1/2) dandoci una piccola preoccupazione. Giá
    passati i 9 mesi il bambino non voleva nascere e la medica dell´ospedale le
    aveva detto che non c´era fretta! Come ci siamo attivati per verificare cosa
    stesse succedendo… Ingrid era giá in ospedale in travaglio. Ci siamo
    preoccupati perché, tra le famiglie che accompagniamo, abbiamo registrato vari
    casi di bambini nati morti per mancanza di attenzione dei medici. Ovvero, morti
    per non aver voluto ricoverare la mamma e indurre il parto quando erano giá
    passati i limiti di tempo “giusti”.
    Sembra addirittura che una medica abbia
    detto alla mamma, come per consolarla: “ma tanto la signora ne ha giá due”.
    Purtroppo la sanitá pubblica é ancora indietro e negli ospedali é meglio non
    metterci piede. Pensate che nostri amici italiani, missionari laici, hanno
    speso 5.000 Euro per accompagnare il parto in un ospedale privato, non
    fidandosi (giustamente) del sistema pubblico. Una cifra qui quasi da
    capogiro… Non per caso la Campanha da Fraternidade (é una campagna realizzata
    annualmente dalla Chiesa Cattolica, nel periodo della Quaresima; il suo
    obiettivo é chiamare l´attenzione dei fedeli in relazione ad un problema
    concreto della societá brasiliana, cercando cammini e soluzioni del problema)
    di quest´anno ha come tema la salute pubblica.
    Samuel, il piccolo figlio della Laudení (credo di non avervi mai scritto nulla
    a riguardo), sta bene. È stato operato tre mesi fa al cuore. Un intervento
    necessario per “aggiustare” una malformazione. Solo un piccolo taglietto nella
    schiena. Con 9 mesi pesava solo 6 kg e adesso, dopo l´operazione, sta prendendo
    peso.
    Purtroppo brutte notizie dal CIA, il carcere minorile dove faccio un momento
    di catechesi settimanale. È una realtá delicata della quale non vi ho ancora
    scritto molto. Realtá che sicuramente resta un luogo prioritario di
    evangelizzazione. Ormai 3 settimane fa hanno ucciso un ragazzo di 16 anni. La
    cosa che lascia piú sconcertati é che gli esecutori dell´omicidio sono stati i
    propri compagni di cella. Quattro contro uno. L´hanno strangolato alle 22 di
    notte perché considerato un “dedo duro” (qui chiamano cosí quelli che fanno la
    spia). Di solito i litigi interni sono frutto di rivalitá tra celle diverse, e
    non tra inquilini della stessa. La notizia non ha avuto molta voce sui
    telegiornali locali ed é passata in sordina. Hanno cambiato la direzione e
    adesso ci vorranno 2-3 settimane per la nuova gestione prendere in mano la
    situazione. Un´altro minorenne che non ha avuto tempo di dimostrare a se stesso
    e alla societá il suo valore.
    Il Sinodo Archidiocesano é nella fase finale e si fa sintesi della camminata
    preparatoria di 3 anni. L´ultimo incontro, con circa 500 persone, é stato sulla
    Parola e attivitá connesse. Molte belle idee spontaneamente nate dalle comunitá
    e dai partecipanti dell´incontro (tra i quali un bell´intervento di Don Corrado
    sulla catechesi). Aspettiamo i prossimi due incontri su Liturgia (10 di marzo)
    e, per me il piú interessante, sulla Caritá in aprile.
    Giá vi lascio ma non posso condividere con voi l´allegria della grande notizia
    del mese, la ciliegiona sulla torta: stanno per arrivare i ragazzi del Servizio
    Civile all´estero. Daniele arriverá il 24, forse mentre starete leggendo questa
    mail… Silvia poco dopo. Entrambi ci aiuteranno su piú fornti dando un tocco
    di allegria alla nostra missione.
    Vi abbraccio fortissimo
    Paolo

    Categorie: Lettere Missioni