Thailandia

BUONA PASQUA!

“Il Signore e’ risorto!!”

Ed e’ di questa certezza che il cristiano vive!

Mi piace pensare che dovunque siamo, qualunque sia la nostra vocazione-vita
noi siamo luce-segno della vita piena di Cristo.

In Thailandia la grande festa della Pasqua passa in sordina: siamo nel bel mezzo
delle vacanze scolastiche (da meta’ marzo ai primi di maggio), dal 13 al 15
aprile e’ festa dell’anno nuovo thailandese (siamo nel 2554, secondo il
calendario buddista!) e i cristiani sono cosi’ pochi che a volte e’ difficile
radunarli per le celebrazioni. La settimana scorsa per la festa del nuovo anno
la gente si e’ radunata in famiglia per il rito di benedizione del versare
dell’acqua sulle spalle degli anziani e poi agli altri componenti della
famiglia. Alla fine poi sono andati tutti per le strade con i tipici gavettoni
a rinfrescarsi dall’afa della stagione piu’ calda dell’anno. E non e’ mica
male!!
In un clima non proprio quaresimale si e’ cercato di preparsi alla Pasqua, e si
sente come niente richiami alla nostra fede… cosi’ dalla liturgia mi sono
rimaste impresse le parole di Gesu’ : “Andate nella citta’ da un tale e ditegli:
“Il Maestro dice: Il mio tempo e’ vicino: vorrei celebrare la Pasqua insieme ai
miei discepoli presso di te”. Il Signore vuole celebrare la sua Pasqua presso
di noi. Questo mistero di morte e vita, questo passaggio dalla paura-dubbio alla
fede, questo continuare a credere nonostante la fatica e l’irrisione del mondo,
questa speranza e fiducia nel bene benche’ sembra vincere la furbizia,
l’arroganza, il potere…
Il Signore vuole fare la sua Pasqua presso di noi, e’ Lui che ci da’ la forza,
e’ Lui che ci insegna la strada e la vita vera. Mi capita spesso di trovarmi qui
in Thailandia al centro dell’attenzione per cose che da noi sono o dovrebbero
gia’ rientrare nell’ordinario.
Ad esempio una visita ad un anziano a casa portandogli un po’ di cibo, o ad un
ammalato all’ospedale che non e’ assistito dai parenti… la gente ti chiede
perche’ tu, straniera, te ne occupi, che hai a che fare con quella persona, ti
e’ parente?? Questo mi fa riflettere sulla novita’ del Vangelo, perche’ l’amore
gratuito, il “lavare i piedi dell’altro”, il perdono, il vivere da fratelli e
figli, e’ Cristo che ce lo ha insegnato… La missione in Thailandia mi sta mi
porta ad andare all’essenziale, le nostre celebrazioni allora, anche se private
dei bei canti e degli addobbi, prendono vita nel nostro quotidiano, nel nostro
sperare ogni giorno in Lui.

Buona Pasqua di tutto cuore, chiedendo al Signore di darci la grazia di capire
sempre di piu’ quanto siamo “fortunati” a conoscerlo, e di vivere del Suo amore.
Ciao,
con affetto,
Valentina