Storia

Fondata il 1° Ottobre del 1970 la nostra parrocchia è cresciuta in oltre 40 anni di eventi che hanno caratterizzato la vita del quartiere... Leggi tutto

Dove Siamo

San Paolo sorge a fianco del parco Enzo Martini, in Via Grenoble 9 a Parma. Nel 2008 si è unita anche la comunità di Vicopò... Leggi Tutto

Le Nostre Attività

Dal Catechismo alle Esperienze Estive, dal Gruppo Missionario alla Giovanni Paolo TV, ecco tutte le iniziative svolte presso l'Oratorio... Leggi Tutto

Ultime Notizie

  • Goias (Brasile)
    giovedì 2 settembre 2010

    Oggi siamo già al 3 settembre 2010… tre anni che sono in Brasile
    accompagnando i progetti della missione diocesana. Sto per rientrare in Italia
    per le ferie, 30 giorni, che quest’anno avranno un gusto ancora più dolce…
    sarà la nostra luna di miele. Come ogni anno questa pausa diventa lo spunto per
    riflettere sulla camminata che sto facendo. Epoca di bilanci. Ieri sono stato a
    Belo Horizonte per risolvere un problemino coi documenti ed ho approfittato
    delle varie attese per ripensare a questi tre anni per rileggerli col senno del
    poi. Ed inevitabile diventa sognare e programmare il futuro.

    Alla fine di tutto questo processo, allontanandomi dalla velocità del giorno-
    per-giorno, mi è rimasto un profondo senso di gratitudine. Si, lo devo proprio
    dire e me lo devo riconoscere… devo ringraziare di cuore prima di tutto Dio
    (come si dice qui…) e poi tantissime persone. La lista sarebbe davvero
    lunga… devo ringraziare Don Corrado che con pazienza mi aiuta a migliorare e
    mi sta sopportando nei miei limiti e stranezze; i miei genitori per star
    accettando, poco alla volta, la mia scelta (di vita e di precarietà); il Centro
    Missionario Diocesano (rappresentando la diocesi di Parma) che insieme alla mia
    parrocchia, Maria Immacolata, e al Gruppo Mission stanno raccogliendo i fondi
    per permettermi di stare qui; le tante persone, tra cui gli amici del cuore,
    che sento vicine e partecipe del mio esserci… forse loro più che ogni altro
    mi danno forza e sostegno nei momenti difficili; tutte le persone e i bambini
    di qui che non perdono occasione per farmi sentire benvenuto e benvoluto; in
    fin dei conti tutti voi che mi leggete perchè date un senso più profondo e
    ampio alla nostra missione. Potrei continuare così per pagine, ringraziando
    tutti i volti che mi hanno accompagnato nella mia crescita e nelle mie scelte,
    comprese tutte le esperienze di volontariato che in Italia mi hanno aperto un
    po’ di più agli altri. Insomma, se sono qui è grazie a voi e vi porto in tutto
    quello che faccio, quindi, come mi scriveva un bambino in una letterina… è
    come se un pezzettino di ognuno di voi fosse qui con me!!

    Vi abbraccio fortissimo, tutti.

    Il mio Grazie più profondo.

    Paolo

    Ps: piccolo inciso di Vita…

    La Patricinha, menina de rua conosciuta nel 2006 con soli 11 anni, è rimasta
    incinta dopo una breve relazione con Maikon, altro menino de rua. In
    circostanze un pò misteriose Maikon è stato ucciso da una pallottola alla
    schiena. Sembra che avesse rubato un cellulare ad una fermata dell’autobus e
    che nella mischia ci fosse un poliziotto in borghese ma armato. Patricia ha
    portato avanti la gravidanza come la maggioranza delle meninas de rua nella sua
    situazione… continuando a usare droghe e vivendo senza amarsi. La settimana
    scorsa, durante la consueta uscita, incontro Douglas: la Patricia è andata in
    overdose da crack, è ricoverata in ospedale. Il giorno dopo vado a visitarla.
    Sta dormendo in uno stanzone insieme a molte altre mamme. Non ha più la pancia!
    La sua bimba è nata di 7 mesi ma sta bene, miracolosamente nessuna complicanza.
    Ambiente pulito e sereno, infermiere premurose… La rua sembra lontana anni
    luce! Mi porta a vedere la bimba, piccolissima. L’accarezza sulla fronte e le
    scappa un sorriso.. Arriva la mamma di Maikon. Si offre di accoglierla a casa
    sua per prendersi cura di lei e della piccolissima nipote… Preghiamo affinché
    possa riuscire a sentire l’esigenza di un cambiamento di vita, così come era
    successo con Talita. La maternità può fare miracoli.

    Categorie: Lettere Missioni